Storia

Le Origini della Georgia

La Georgia fu popolata dal VII secolo a.C. da diverse tribù di varia origine sfuggite con ogni probabilità ad invasioni semitiche; nel I secolo a.C. venne conquistata dai Romani di Pompeo Magno e, una volta crollato l'Impero romano, venne occupata dai Persiani e dai Bizantini che qui diffusero il Cristianesimo.

Più tardi la parte orientale della Georgia passò nelle mani degli Arabi e nel VI secolo fu messo a termine il suo processo di colonizzazione, anche per una certa influenza da parte degli Arabi.
Alla fine del X secolo grazie all'indebolimento dell'Impero bizantino e di quello persiano il paese rivendicò la propria indipendenza e raggiunse il massimo dello splendore poco dopo, al tempo di Davide II e della regina Thamar; tuttavia le continue invasioni mongole a cui la Georgia continuava ad andare incontro la portarono a perdere nuovamente per la seconda volta la propria indipendenza, riottenuta sotto Alessandro I.

Nel 1801 la Georgia fu unita alla Russia ed ebbe un periodo di prosperità: subì un processo di industrializzazione e cominciò a sfruttare le risorse minerarie, ma accanto allo sviluppo industriale si svilupparono anche i fermenti rivoluzionari volti alla preparazione di una riforma sociale; dunque dopo la rivoluzione russa e lo sfacelo dell'antico impero, la Georgia fece parte della Repubblica democratica Transcaucasica e con la costituzione del 1936 che stabiliva lo scioglimento della Federazione Transcaucasica essa divenne una delle Repubbliche federate dell'U.R.S.S. (ufficialmente sciolta nel 1991), facendo parte di uno dei suoi 15 Stati.

Il suo territorio si ingrandì nel periodo delle Guerre mondiali grazie all'annessione di buona parte della provincia del Caraciai, poi perse alla metà degli anni Cinquanta del Novecento; alla fine del XX secolo dovette fronteggiare una guerra civile e il paese tornò vittima della criminalità e dell'anarchia. La situazione fu ripristinata dall'allora presidente Shevardnadze che risanò anche l'aspetto economico della Georgia ristabilendone l'equilibrio.

Georgia